crescita

 
Mi scopro ogni giorno sempre piu estremista.
 
O meglio, scopro come le cose che ho ignorato per anni non accennino piu a scivolarmi addosso con il loro lento e placido fare.
La capacità che hanno i miei di farmi incazzare è leggendaria. Eppure se una volta ero in grado di lasciar correre, di diventare trasparente e di rintanarmi in un bel mondo iridato di sogni e risate ora scopro che non voglio più farlo, lentamente sono trapelate nuove idee, lentamente ho realizzato che la vita non ha un reale senso se non nella ricerca di continuo miglioramento. Assecondo l’incordigia del mio essere umano, non mi accontento più di mezze felicità ne di compromessi sterili con le avversità, ho voglia di vivere al 110% delle mie possibilità anche se questo significa che dovro continuare a tagliare affetti come ultimamente mi riesce cosi bene di fare.
 
Per quanto ermetico e criptico possa sembrare credo che il tutto si possa risolvere con un elegante sistema di autodiagnosi…
 
La tua famiglia ti stressa, odi mangiare mentre il cane ti questua il primo e l’ultimo boccone della tua cena, il telefono ed ogn’uno dei 6 cellulari in casa non smette di squillare nemmeno quando cerchi di intavolare uno straccio di conversazione (ovviamente il tuo giace spento in qualche cassetto n.d.a.)?
 
‘Scegli ancora’
 
Potrebbe essere una soluzione non rientrare proprio a casa ma ficcarsi in un mare di assistenze, corsi, palestre, giri, volontariato, uscite fino a minimizzare il tuo ritorno a casa per il semplice dormire?
 
‘Scegli ancora’
 
Andare a vivere da solo fino a che non capiscano che ti sei immondamente rotto il cazzo di vivere una esistenza di lamentele, pianti, crisi di nervi, crisi predurante-post mestruo?
 
ECCO!
 
Questa potrebbe essere una valida alternativa al progressivo impazzimento.
Una via che già ho ponderato nottetempo ma che per un motivo o per l’altro non ho ancora seguito. Credo debba riconsiderare questa opzione…
 
Bah, domani è un altro giorno, spero solo che la notte porti via il mio mal di testa e un po di questa malsana malinconia.
 
Alex
 
 
 
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...